Sondaggi
 
...
 
Newsletter
 
 
 
sottoscrivi      rimuovi
Friends
 
federnuoto
deepblue

agendaDiana
Invia articolo Stampa articolo
SYNCRO-TUFFI - 01/04/2009
Italia subito argento
Europei Tuffi

TORINO - Inizia bene il cammino degli Azzurri agli Europei di Tuffi di Torino in svolgimento alla piscina Monumentale. Nella finale del trampolino da 1 metro Christopher Sacchin conquista la medaglia d'argento con 418,55 punti. La gara è vinta dall'ucraino Illya Kvasha con 420,90. Terzo il tedesco di origini ucraine Pavlo Rozemberg con 405,20.
“Finalmente la medaglia d’argento, dopo i tre bronzi consecutivi ai Mondiali di Melbourne 2007 e agli Europei di Budapest 2006 ed Eindhoven 2008 - racconta il carabiniere della Bolzano Nuoto che compirà 26 anni il prossimo 22 aprile - Ho approcciato la gara con tranquillità, ma nei primi tuffi non sono riuscito ad esprimere la mia potenza e ho lasciato quei due punti e mezzo che mi dividono da Kvasha, campione uscente.
Gli ultimi due tuffi, più fisici e faticosi, non li scorderò facilmente - continua l'allievo di Antonio Roberto Marocchi che ha totalizzato il record di punti a Melbourne con 441,40 punti - Avevo l’adrenalina a mille, ma sono riuscito a controllarla". Tra poco più di cento giorni si apriranno i Mondiali di Roma. Sacchin è chiamato a difendere il bronzo. "A Roma proverò a difendere la medaglia conquistata in Australia. Sto provando a integrare il programma personale con il doppio e mezzo avanti con due avvitamenti: mi assicurerebbe tanti punti, ma solo in condizioni ottimali, altrimenti si potrebbe rivelare controproducente. Decideremo in prossimità dell'evento".

Dagli Assoluti indoor del 2008 agli Europei. Poco meno di un anno. Stessa piscina e simile punteggio. "Un anno fa ho vinto il titolo con 420,45 punti - ricorda Sacchin, che ama suonare la batteria "per distendermi e non pensare continuamente agli allenamenti" - Torino già mi era nel cuore, ora ha un posto privilegiato". Sull'oro di Kvasha, Sacchin ammette che "per il momento è più pulito.
Io ho la potenza, che nel metro è un aspetto molto importante, ma lui è più elegante". Primo sorriso anche per il Ct della Nazionale Giorgio Cagnotto, icona della Città di Torino nel mondo, come la Juventus e la FIAT secondo il Presidente della LEN Nory Krutchen. “Questa medaglia dà forza a tutta la squadra - sottolinea il cittì - Abbiamo iniziato nel modo migliore. Sono doppiamente emozionato e felice per Christopher con il quale abbiamo attraversato un periodo difficile sotto l’aspetto fisico e psicologico. Sapete, nel nostro sport quando non entra un tuffo, a volte bisogna lavorare più sulla psicologia che sulla tecnica.
Il cammino per i Mondiali è tracciato, ora dobbiamo percorrerlo con ulteriore attenzione e dedizione”. Nella stessa finale Nicola Marconi si è classificato quinto con 361,95 punti: "Dopo i primi due tuffi pensavo di ottenere qualcosa di più. Se avessi fatto bene il terzo e quarto tuffo sarei potuto arrivare al podio. Devo ringraziare il calore del pubblico di Torino che mi ha gasato e mi ha dato la spinta per tentare di arrivare a medaglia. Nonostante un pizzico di rammarico, le riflessioni indotte dalla gara sono positive in vista dei Mondiali".

Piccola delusione dalla piattaforma femminile. Brenda Spaziani, terza sino al terzo tuffo, ha sporcato il quarto tentativo, sbagliato il quinto ed è finita ottava con 287,70 punti; decima e mai in corsa per il podio Noemi Batki con 276,50 punti. Sul podio la russa Yulia Koltunova ha preceduto con 331,35 punti, la tedesca Nora Subschinski (318,50) e la britannica Brooke Graddon (317,70).

 
Ufficio Stampa
[home page]   [torna indietro]

Share/Bookmark