Sondaggi
 
...
 
Newsletter
 
 
 
sottoscrivi      rimuovi
Friends
 
federnuoto
deepblue

agendaDiana
Invia articolo Stampa articolo
JO RIO 16 - 20/11/2014
Olimpiadi, mare o cloro?
Altri dubbi sul programma

Il calendario provvisorio dei Giochi Olimpici 2016 sta destando non poche perplessità riguardanti gli orari di batterie e finali e l’apparente incompatibilità tra acque libere e gare in vasca.
Delle speculazioni sul fatto che gli orari di batterie e finali sarebbero ad uso e consumo dei network statunitensi ne avevamo già parlato qui.

Anche alle Olimpiadi di Pechino la forzatura era apparsa evidente: batterie alla sera, finali al mattino.
In Brasile invece è una prassi consolidata disputare le finali nella tarda mattinata/primo pomeriggio e le batterie in serata… ma per Rio 2016 accadrà esattamente il contrario!!!
Terminate le finali, dopo qualche nuotata di recupero, controlli antidoping, trasferimenti, cena ed altro, la giornata dei nuotatori alla prossima Olimpiade potrebbe terminare non prima delle 2:00 o 3:00 di notte…

L’altra controversia riguarda il nuoto in acque libere.

Le giornate dell’1 e 2 agosto segnano i primi due giorni di gare in piscina, da sempre l’evento principale della prima settimana dei Giochi.
Contemporaneamente il programma prevede la maratona maschile il 1 agosto, quella femminile il 2 agosto: questo non preclude la partecipazione sulla 10km agli specialisti della vasca (800m e 1500m), ma di fatto gli esigui tempi di recupero lo rendono altamente improbabile.

Una 10 km ad altissimo livello è indubbiamente uno sforzo che può lasciare scorie per giorni e giorni nella braccia dei nuotatori, oltre ad eventuali contusioni e ferite derivanti da quello che è uno sport di contatto, prospettiva che potrebbe mettere più di un dubbio nella mente di coloro che hanno ambizioni di medaglie tra le corsie.

6 saranno i giorni per recuperare tra 10km e 1.500 maschili, ancora meno per le donne tra maratona e 800.

Chi ci guadagna da questa situazione? I nuotatori con poche possibilità (o interesse) ad eccellere in piscina rispetto alle acque libere… ed il pensiero va inevitabilmente ai nuotatori di casa (settore femminile in primis). A pensare male si fa peccato, ma...

Gli organizzatori respingeranno ogni accusa di favoritismo, ma dovranno dare una spiegazione plausibile per aver sovvertito l’ordine delle gare rispetto ai Giochi del 2008 e 2012.
Infatti a Pechino le gare open water si svolsero quattro giorni dopo il termine della gare in piscina. In molti suggerirono di concedere un recupero maggiore e così fu nella successiva Olimpiade britannica: sei giorni.

Se le cose rimarranno tali, alcuni atleti d’élite si vedranno costretti a rinunciare alla maratona, gara che ne uscirà inevitabilmente ridimensionata e meno competitiva: peccato, perché in una Olimpiade si vorrebbero vedere alla partenza tutti i migliori atleti del mondo. Nessuno escluso.

Questi alcuni nuotatori con giustificate ambizioni in entrambe le discipline (non tutti hanno vinto medaglie importanti, ma gareggiano spesso sia in acque libere che in vasca, anche con le staffette delle loro nazionali):

Oussama Mellouli
Olimpiadi
Pechino 2008: oro nei 1500 m sl
Londra 2012: oro nella 10km di fondo e bronzo nei 1500 m sl
Mondiali
2003 - Barcellona: bronzo nei 400 m misti
2005 - Montreal: bronzo nei 400 m sl e 400 m misti
2009 - Roma: argento nei 400 m sl e 800 m sl, oro nei 1500 sl
2013 - Barcellona: oro nella 5km di fondo e bronzo nella 10km
David Davies
Olimpiadi
Atene 2004: bronzo nei 1500 m sl
Pechino 2008: argento nella maratona 10km
Mondiali
2005 - Montreal: bronzo nei 1500 m sl
2007 - Melbourne: bronzo nei 1500 m sl
Mondiali in acque libere
2008 - Siviglia: argento nei 10 km
Eva Rizstov
Olimpiadi
Londra 2012: oro nei 10 km
Mondiali
2003 - Barcellona: argento nei 400m sl, nei 200m farfalla e nei 400m misti
Mireia Belmonte
Giochi olimpici
2012 - Londra: argento nei 200 m farfalla e negli 800 m sl
Mondiali di nuoto
2013 - Barcellona: argento nei 200 m farfalla e nei 400 m misti, bronzo nei 200 m misti
Europei di nuoto
2014 - Berlino: oro nei 200 m farfalla e nei 1500 m sl, argento nei 400 m misti e negli 800 m sl, bronzo nella 5 km a cronometro in acque libere e nei 400 m sl
Sharon van Rouwendaal
Mondiali
2011 - Shangai: bronzo nei 200m dorso
Europei
2014 - Berlino: oro nei 10 km e nella gara a squadre, argento nei 5 km
Europei in vasca corta
2010 - Eindhoven: argento nei 100 e 200m dorso
Keri-Anne Payne
Giochi olimpici
2008 - Pechino: argento nei 10 km
Mondiali di nuoto
2009 - Roma: oro nei 10 km
2011 - Shanghai: oro nei 10 km
Cassandra Patten
Olimpiadi
Pechino 2008: bronzo nei 10km di fondo
Mondiali in acque libere
2008 - Siviglia: argento nei 10 km
Ferry Weertman
Europei
2014 - Berlino: oro 10 km e nella gara a squadre

 
[home page]   [torna indietro]

Share/Bookmark